venerdì 3 aprile 2009

Decollanz... e precipitanz!

Aggiornamento: vedi nota in fondo.

"La verità ci muove, qualunque essa sia"
, è il motto di Maurizio Decollanz, curatore della trasmissione "Rebus, questioni di conoscenza", in onda su Odeon TV, una televisione così poco conosciuta che si racconta in giro che il canale venga utilizzato dai servizi segreti per trasmettere messaggi alle spie, tanto non lo vede nessuno (1).

Rebus è una trasmissione che presenta (con pseudo-scientificità) il meglio (o il peggio, secondo i punti di vista) delle teorie complottiste più strampalate.

Non manca nulla: da JFK alle missioni Apollo, dagli UFO all'11 settembre passando per il Signoraggio e le Scie Chimiche, Maurizio Decollanz si avvia a diventare il paladino dei paranoici complottisti in giro per l'Italia e per le cliniche psichiatriche.

E se continua così, c'è caso che si becchi anche una bella nomination per l'ambitissimo Premio Perlone.

Decollanz è così sicuro che la sua trasmissione sia seria, così sicuro che frotte di complottisti lo sosterranno, da aver avuto l'infelice idea di promuovere un sondaggio sul suo blog.

Vediamolo:


Dai un giudizio a REBUS:
eccellente
apprezzo moltissimo
apprezzo moderatamente
non apprezzo affato
è vergognosa

Ora, noi pensiamo che manchi un'opzione: "fa schifo". Ma è un parere nostro, sia chiaro. Di certo Decollanz dovrebbe stare attento almeno all'italiano. "Non apprezzo affato"... Due t, Decollanz, si scrive "affatto", non "affato". Sappiamo che un errore può sfuggire, ma su un sondaggio pubblico e dopo giorni di votazione, sarebbe il caso di correggerlo, no?
Che diamine, non vorrai mica far invidia a Wikipedia Italia?

Sta di fatto che il sondaggio non va come Decollanz aveva sperato: i voti arrivano, a centinaia, poi a migliaia... ma una preoccupante percentuale, oltre l'80%, vota "E' vergognosa"!

Ora, le cose sono due: o i complottisti sono molti meno di quanto si vantino di essere, oppure ben pochi di loro seguono Rebus. In entrambi i casi per Decollanz non è una buona notizia.

Quel che è peggio è che il resto delle persone, quelle normali, quelle che hanno un cervello funzionante, hanno detto chiaro e tondo che la trasmissione è vergognosa.

Il tam tam corre veloce nella galassia dei complottisti.
Sui siti degli sciachimisti, sui forum di signoraggio, viene lanciato l'appello: accorrete in massa, l'82% dei votanti ha votato "vergognoso"!


L'appello evoca il fantasma di Paolo Attivissimo, debunker tra i più odiati dai complottisti, nella speranza che ciò spinga quanti più dementi a votare.

Ma il risultato è sconfortante (per Decollanz e i complottisti): dopo un giorno dall'appello, il numero di votanti è arrivato a 3421 ma di essi ben il 79% non ha dubbi: la trasmissione è Vergognosa.

Insomma, Decollanz è affondato. Mancano ancora 92 giorni alla fine delle votazioni, durante i quali probabilmente il povero conduttore studierà un sistema per invertirne l'esito, ma la frittata è fatta.

E allora Decollanz è costretto a scrivere un papiro per giustificare il fallimento (ovviamente abbiamo shot e copie in archivio):

"Carissime Amiche e carissimi Amici, l'andamento del sondaggio sul gradimento di REBUS mi impone un intervento."

Meglio se chirurgico...

"Senza alcun dubbio le migliaia di persone che stanno continuando a dare alla trasmissione il peggior giudizio possibile impone una riflessione e qualche considerazione."

Ti aiutiamo: la prima è che hai bisogno di dare una sistemata all'italiano. O devi rileggere quello che scrivi. "Le migliaia di persone" impongono, non "impone".

"Premetto che nutro il massimo rispetto per tutte le persone che hanno voluto esprimere il loro parere. Nutro il massimo rispetto per chi ha definito REBUS una trasmissione "vergognosa". Massimo rispetto per loro e per tutti gli altri."

Ci mancherebbe altro. A prescindere da quello che nutri, le persone che hanno votato Vergognoso meritano senza dubbio il massimo rispetto. E' gente intelligente, stanca delle corbellerie che propinano i complottisti.

"Ho letto come su alcuni blog, di varia natura, è stato formulato l'invito a "partecipare". Ho letto anche con attenzione tutte le critiche che sono state rivolte alla trasmissione, a me come giornalista e a me come persona. Onestamente le ultime mi hanno non poco rattristato, ma ho scelto di espormi e di ascoltare. Non torno indietro."

Tornare indietro? Stai cadendo a capofitto, non puoi tornare indietro nemmeno volendo. Comunque ti ricorderemo a lungo per il grosso tonfo, promesso.

"Su questa vera e propria "valanga" di voti grava un sospetto però: esistono vari software (anche gratuiti) che permettono ad una sola persona di votare svariate volte. Questo potrebbe aver inquinato l'onesta del sondaggio."

Non diciamo idiozie. Anche noi facciamo sondaggi su Perle, e i log ci consentono di individuare subito se ci sono voti multipli da parte dello stesso utente. Il tuo blog è monitorato da Histats (lo stesso servizio che utilizziamo noi):


per cui il log degli accessi mostrerebbe subito l'anomalia, se ci fosse.
A proposito... onestà si scrive con l'accento...

"Sarò ingenuo, probabilmente, ma io credo che ogni singolo voto espresso sia il frutto di un rispettabile e onorabile parere. Quindi, non farò come qualcuno mi ha suggerito e non fermerò il sondaggio. Altri mi hanno suggerito di farlo ripartire con l'obbligo, per chi vota, di essere "registrato" e quindi riconoscibile. Questo dissiperebbe ogni dubbio o sospetto sull'onesta di chi ha votato. Non farò neanche questo.
Voglio, e sono fermamente convinto in questo, credere alla buona fede di tutti. Senza riserve."

Fai bene. Anche perché nemmeno Topo Gigio crederebbe che se il risultato fosse stato l'opposto, non avresti proclamato trionfante il successo, senza riserve.

"La mia decisione, quindi, è quella di lasciar proseguire il sondaggio così come è. Libero."

Bene, bravo. Verificheremo se manterrai l'impegno.

"Ma voglio ribadire un concetto: questo sondaggio è stato da me voluto e pensato per sottopormi al giudizio dei telespettatori per quanto concerne le nuove puntate di REBUS. Quelle che inizieranno a partire da lunedì 20 aprile alle 22.00 su Odeon e Odeon24 (SKY827). Infatti, il termine delle votazioni è fissato dopo una settimana dalla messa in onda dell'ultima puntata."

Ecco, hai rovinato tutto. Sembrava quasi che stessi parlando da persona seria, consapevole della sconfitta, e ora tiri fuori questa buffonata.
Come si fa a inserire un sondaggio su qualcosa che uscirà fra venti giorni?
Ma pensi davvero che qualcuno creda a una simile baggianata? E' la scusa più patetica che potevi inventarti!

"Chiedo a tutti, quindi, di attendere di vedere le nuove puntate e formulare dopo il loro giudizio. Certo, il forte peso dei voti negativi si farà sentire. Ma se, come si dice su alcuni blog, si tratta di giudizi sulle puntate passate voglio e devo comunque rispettarli."

Decollanz, stai dando i numeri? Prima hai detto che il sondaggio è libero, adesso chiedi di votare dopo aver visto le nuove puntate. Ma se è libero, lascia la gente libera di votare come e quando gli pare, no?
E poi, cos'è questa storia, vai in giro per i blog per capire come hanno votato 3000 e passa persone?
Orsù, non ci vuole molto a capirlo, né a capire perché la gente abbia un'opinione negativa nei tuoi confronti e nelle tue trasmissioni. Basta leggere questa intervista su Altrogiornale, in cui parli della profezia Maya per il 2012 ("il nostro Pianeta porterà a compimento un ciclo astronomico. L’Umanità è bene che si adegui"), di UFO, alieni, basi extraterrestri, cerchi nel grano... E ti meravigli che migliaia di persone giudichino questa roba "vergognosa"? Pensi davvero di "rifarti" con le prossime puntate di Rebus?
O pensi che verranno in tuo soccorso gli oltre 7000 iscritti a Luogocomune (che a quanto pare esistono solo nelle statistiche di quel sito)?

"In merito a chi rimprovera l'assenza di uno spazio sul blog per commentare, ribadisco che da tempo esiste su FaceBook un Gruppo dedicato alla trasmissione in cui è in atto un confronto. Anche con la mia partecipazione diretta. E' una scelta discutibile, me ne rendo conto, ma è una scelta: in quella sede, come già faccio da tempo, risponderò anche direttamente ad ogni confronto."

Bisogna vedere quanti avranno voglia di iscriversi e perdere tempo per confrontarsi con te...

"L'unica condizione che pongo è che il confronto sia leale, rispettoso della sfera privata e non denigratorio. Rispetto tutti e, in cambio, chiedo altrettanto. Poniamo il confronto sul piano professionale."

Ma ci faccia il piacere. Professionali? Le teorie complottiste? Cos'è, una nuova barzelletta?

"Dico questo perchè ho tristemente riscontrato che da tempo qualcuno ha avviato una vera e propria campagna persecutoria nei mie confronti sul piano personale."

Noi non c'entriamo! Abbiamo appena iniziato!

"Dileggiando la voce che Wikipedia ha dedicato a REBUS e cancellando quella dedicata a me personalmente. Solo per citare un piccolo esempio."

Allora sei proprio sfigato di brutto. Se ti cancellano anche la pagina su Wiki (dove complottisti e filo-complottisti abbondano) devi seriamente pensare a cambiare mestiere.

"Inoltre, vedo circolare informazioni false su comunicazioni private (che quindi sono soggette alla tutela della privacy). Svolgo la mia professione in totale trasparenza, esponendomi a giudizi e critiche come nessuno, nella mia posizione, ha mai fatto. Sono sempre stato, e sempre lo sarò, disponibile al confronto diretto.
Questa è la mia mail: rebus@odeontv.net
Risponderò a tutti con cortesia."

No no, non montarti la testa. C'è gente che si espone anche più di te. Prova a vedere cosa abbiamo scritto su Mazzucco, Chiesa, Blondet e altri campioni.
Sei uno dei tanti complottisti, nulla di più e nulla di meno.
Non pensare che basti così poco per guadagnarsi il Perlone.

E in ogni caso, la storia della disponibilità al confronto è una balla bella e buona: Paolo Attivissimo ci ha provato, e non ha avuto risposte. Strano modo di invitare al confronto, il tuo.

"Grazie per aver avuto la pazienza di leggermi."

Di nulla. Abbiamo unito l'utile al dilettevole e ne è venuta fuori una discreta Perla.

"La Verità ci muove. Qualunque essa sia.
Maurizio Decollanz".


Occhio che non ti stai semplicemente muovendo. Stai precipitando.


(1) Avviso per i complottisti: è una battuta.

Si ringraziano per le segnalazioni: Marika_CP, Fabio Zen78, Elena, Sergio C.

====================
Nota del 6 aprile 2009:

Abbiamo ricevuto una gradita mail da parte del sig. Maurizio Decollanz, che ci ha rappresentato di aver apprezzato la Perla dedicatagli e di averla trovata divertente, complimentandosi per questo.
Si tratta di un gesto che riteniamo significativo di una capacità di porsi in gioco e di accettare la satira e l'ironia (inevitabili su certi temi) del tutto sconosciuta a tanti nomi più blasonati del giornalismo.
Ci complimentiamo a nostra volta per questo, con un'esortazione: di estendere questo "fair play" anche al "confronto" con Paolo Attivissimo e di evitare di parlare di querele e diffide. Certi argomenti sono immancabilmente "accesi" e conditi di espressioni colorite, ma un dibattito vive anche di questo.
Lo Staff.